Poesie di natale

La poesia è una delle più antiche forme d'arte legate all’uomo. Vissuta per secoli sulla tradizione orale, quando iniziò a essere fissata con la scrittura, la poesia poté diventare ancora più un patrimonio di tutti, condiviso e molto sentito. Facile pensare, quindi, che un genere letterario così antico sia, da sempre, accostato ai temi più sentiti dall’uomo: l’amore, su tutti, e, non distante, il Natale, visto come occasione simbolica di celebrazione dell’amore stesso. Non a caso, il Natale, da decenni, è tema prediletto d’ispirazione per film, cartoni animati e libri, con la conseguenza, però, che in questo calderone di proposte di ogni tipo, la poesia venga ridotta alle più classiche filastrocche natalizie per bambini. Eppure, la poesia, intesa nel suo senso più alto e letterario, ha dedicato alla festa più sentita dell’anno diversi componimenti di grandissimi scrittori, i quali sono partiti dalla ricorrenza per allargare il discorso a temi di carattere più generale: dalla guerra alla povertà, dalla solidarietà ai misteri dell’esistenza. Come detto, magari, non sono tra le poesie più conosciute, ma i loro versi hanno tutta la magia della festa e possono diventare degli auguri originali e bellissimi. Va detto che, siccome prima di tutto il Natale è una festa della cristianità, è logico trovare molte poesie che celebrano il significato religioso del Natale. È così, per esempio, per San Francesco d'Assisi e la sua "Ti saluto signora Santa", dedicata alla figura della Madonna, che, nella Notte di Natale, diede alla luce Gesù. Ugualmente, vengono spesso estrapolati dal contesto e usati come "poesia di Natale", alcuni versi del canto XXXIII del Paradiso della Divina Commedia, in cui Dante Alighieri celebra la Madonna come "Vergine Madre Figlia di tuo Figlio / umile ed alta più che creatura". In tempi più recenti, non si possono non citare le poesie di Madre Maria Teresa di Calcutta, usate per parlare dei temi a lei più cari come i poveri e gli emarginati. Tra le sue poesie: "È Natale" e "Asciuga bambino Gesù". Mettendo da parte i componimenti più prettamente religiosi, il Natale ha comunque continuato a ispirare scrittori di ogni tempo e pensiero. Nel Cinquecento, Torquato Tasso scrisse "In si mirabil notte", mentre, tre secoli più tardi, fu il Manzoni (per la verità, uomo molto cattolico e devoto) a ispirare al Natale "Tacita un giorno a non so qual pendice" (in "Inni Sacri - Tragedie"), e l’emblematica "Il Natale". Il grande Giacomo Leopardi, benché sicuramente meno entusiasta di questa ricorrenza festiva, non mancò di comporre "Per il Santo Natale", così come fece Giovanni Pascoli, con "Mossero: e Betlehem sotto l'osanna" (nei "Poemi Conviviali"); Guido Gozzano, con "È nato, alleluia"; Umberto Saba, con "La notte è scesa"; Gabriele d’Annunzio, con "I Re Magi". Tra le poesie più note, va sicuramente citata, infine, la semplice "Natale" di Giuseppe Ungaretti, nella quale uno dei più grandi poeti del Novecento parte dalla festa per toccare argomenti come la guerra e la desolazione. Perché, per dirla con parole che non sono propriamente una poesia, ma rendono l’idea: o è Natale tutti i giorni, o non è Natale mai

Questa la sua venuta? lo mi credeva di trovarmi davanti a un luminoso prodigio, quale fu narrato un tempo dal grande Iddio che in pioggia scese,...

Per l'anniversario della nascita di un Nazareno Perché nevica ancora? I passeri sulla staccionata guardano il cielo il cielo è così buio qualcuno passa oltre la mangiatoia alla mangiatoia,...

Nel grembo di Maria giaceva il Bimbo la sua chioma era simile a una luce (stanco e disfatto è il mondo, ma qui tutto proprio tutto...

Viene viene la Befana vien dai monti a notte fonda. Come è stanca! La circonda neve, gelo e tramontana. Viene viene la Befana. Ha le mani al petto in...

Mentre la neve fa, sopra la siepe, un bel merletto e la campana suona, Natale bussa a tutti gli usci e dona ad ogni bimbo un piccolo...

Quanno che de ‘sti tempi da la cantina Riporto a casa ne ‘lo scatolone er presepe, me sento n’emmozione che me fa ritorna’ ‘na regazzina. Mentre scarto li...

Quest’anno ti voglio regalare Un Natale come quelli di una volta, con l’angelo che sulle ali porta L’annuncio che sempre fa esultare! Vorrei ci fosse anche un po’...

Conosco questo Natale questa neve che sa di antico che scende lenta a parlarci con il suo tempo che è tempo di sempre. Non il nostro tempo ma quello...

Ninna-nanna, ninna- nanna bimbo bello, non tremare, se non hai una culla calda, forse un bue e un asinello scaldano più che un fuocherello. Ninna- nanna, ninna nanna dormi figlio,...

Conosco questo Natale questa neve che sa di antico che scende lenta a parlarci con il suo tempo che è tempo di sempre. Non il nostro tempo ma quello...

La Luce guardò in basso e vide le Tenebre: "Là voglio andare" disse la Luce. La Pace guardò in basso e vide la Guerra: "Là voglio andare" disse la Pace. L'Amore guardò...

Era festa dovunque: in ogni chiesa, in ogni casa: intorno al ceppo, lassù; innanzi a un Presepe, laggiù; noti volti tra ignoti riuniti in lieta...

Lode al gaio ceppo festivo! Balzate, fiamme, balzate gioiose. salute alla coppa colma di vino! spumeggia allegro, roseo liquore. Dorme nella mangiatoia il bambino....

Una luce vermiglia risplende nella pia notte e si spande via per miglia e miglia e miglia. O nova meraviglia! O fiore di Maria! Passa la melodia e la terra s'ingiglia. Cantano...

Caro Gesù, dà la salute a Mamma e Papà un po' di soldi ai poverelli, porta la pace a tutta la terra, una casetta a chi non...

La notte è scesa e brilla la cometa che ha segnato il cammino. Sono davanti a Te, Santo Bambino! Tu, Re dell’universo, ci hai insegnato che tutte le creature sono...

S'io fossi il mago di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento, ma non l'alberello finto,...

E’ nato il sovrano bambino, è nato! Alleluia, alleluia! La notte che già fu sì buia risplende di un astro divino. Orsù, cornamuse, più gaie suonate! Squillate, campane! Venite, pastori...

Natale. Guardo il presepe scolpito, dove sono i pastori appena giunti alla povera stalla di Betlemme. Anche i Re Magi nelle lunghe vesti salutano il...

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare! Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei. Presso quell'osteria potremo riposare, ché troppo stanco sono e troppo stanca sei. Il campanile scocca lentamente...

E' Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi una mano. E' Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l'altro. E' Natale ogni...